Il Ministero dell’Ambiente ha diffuso la nota n. 1495 del 23 gennaio 2018, avente ad oggetto “Obblighi del proprietario non responsabile della contaminazione e onere probatorio”.

La nota fornisce chiarimenti in merito a:

– obblighi del proprietario non responsabile della contaminazione e onere probatorio;

– inquinamento diffuso.

Con riferimento alla nozione di inquinamento diffuso (la contaminazione o le alterazioni chimiche, fisiche o biologiche delle matrici ambientali determinate da fonti diffuse e non imputabili ad una singola origine – art. 240 c. 1 lett. r) del d.lgs. 152/2006), il Ministero ritiene che i criteri per definire la contaminazione diffusa possano essere individuati come segue:

– origine: non puntuale;

– dimensioni: interessa area vasta;

– responsabilità: non riconducibile a uno o più soggetti né come nesso causale né come linee di evidenza     (secondo il criterio generale del “più probabile che non”) con l’utilizzo delle migliori tecniche applicabili allo stato di conoscenze scientifiche del fenomeno, indipendentemente dalla risalenza.

Fonte ed approfondimenti: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Obblighi del proprietario non responsabile della contaminazione: nota del Ministero dell’Ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × due =

CHIUDI

Promozione valida sulle certificazioni LAT

Approfittane adesso

CHIUDI

Grazie per la tua adesione!

X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: