Con Decreto del 28 marzo 2018 il Ministero dell’Ambiente fissa il contributo per l’anno 2016 per la propria attività di vigilanza e controllo in materia di gestione dei rifiuti, da parte dei Consorzi e dei soggetti individuati dal Codice attraverso specifiche quote di riparto, fissate in parte in quota fissa, in parte con riferimento al valore della produzione, entro 90 giorni a partire dal 24 maggio 2018.

Il contributo è ripartito tra i vari soggetti obbligati (Consorzi ed Enti per il recupero ed il riciclo di imballaggi, RAEE, pile, olii usati). Sono esclusi dal pagamento del contributo i soggetti che hanno operato per meno di sei mesi nel 2016 e che alla data di pubblicazione del decreto (avvenuta il 24 maggio 2018) hanno cessato la propria attività.

Il contributo si compone (art.3 del DM 28/3/2018) di una quota fissa pari all’0,2% del contributo complessivo e di una quota commisurata al valore della produzione indicato nel bilancio d’esercizio chiuso al 31 dicembre 2015 oppure, se non ancora depositato presso il registro delle imprese, nel precedente bilancio d’esercizio.

Fonte: Decreto del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare 28 marzo 2018

Rifiuti: ripartito il contributo 2016 per le attività di vigilanza e controllo

CHIUDI

Approfittane adesso

Promozione valida sulle tarature accreditate 

CHIUDI

Grazie per la tua adesione!

X